domenica 7 febbraio 2010

Genepax reinventa l'auto ad acqua

La notizia in Italia e giunta solo il 14 giugno (ufficialmente è andata in onda sul TG1), in verità è da circa una settimana che nella rete è stata lanciata la notizia con una pilotata azione di marketing.
Basta una semplice ricerca con google “Water Energy Sistem GENEPAX” per trovare molte informazioni, articoli, blog e discussioni nei forum internazionali.
Il sistema in se è molto semplice, l’acqua viene scomposta in idrogeno e ossigeno tramite una reazione elettrolitica e in seguito l’idrogeno viene utilizzato per alimentare una fuel cell che produce energia e nuovamente acqua.
La Genepax dichiara che con un litro d’acqua (salata o dolce non ha importanza) si produce abbastanza energia per muovere un’automobile per un ora e percorrere circa 80 km.
Ma da dove viene questa energia in eccesso?
Su Wikipedia la spiegazione non è molto chiara, sembra che l’energia in eccesso arriva dagli elettrodi che si consumano durante la reazione elettrolitica, energia chimica quindi, ma non viene altresì spiegato come mai se la reazione produce acqua, non viene recuperata e riutilizzata per il processo….
Come sempre tutto non è molto chiaro e molte informazioni probabilmente tarderanno ad uscire o non usciranno mai anche se il sito della compagnia giapponese Genepax in questi giorni viene continuamente aggiornato nella sezione NEWS .
Non suonano strane queste dichiarazioni, soprattutto dopo la recente dimostrazione pubblica (sempre ad opera di giapponesi) della produzione di energia con un motore Stirling tramite una reazione di Fusione Fredda “Arata Phenomena”, notizia rilanciata dal SOLE 24 ORE il 22 Maggio scorso.
Interessanti i commenti del telegiornale verso la fine del servizio:
“chissà come reagiranno USA e Unione Europea che nel 2003 hanno firmato una alleanza per realizzare proprio il sogno del motore ad acqua”
Probabilmente si tratta della Power Avenue Corp. con sede a Nashville in USA e della Power Avenue Gmbh con sede a Schwambach in Germania, queste le rappresentanti legali dell’accordo menzionato tra USA e Unione Europea, poi ci sono:

-   Chairman & CEO, Dr. Rocco Guarnaccia a Basel,
guardacaso in Svizzera
-   Delf University of Tecnology and Delft Institute for Sustainable Energy Faculty of Applied Sciences, Prof. Dr. Joob Schoonman, Delft Olanda
-   Sale & Quinn, Mr Stephen Sale, Washington USA
-   President US Operation, Prof. Dr. Firouz Shahrokni, Nashville USA
-   Technische Universitat Berlin, Institute for Energy Engineering, Prof. Dr. Ing. George Tsatsaronis, Berlino Germania
-   Technical Director, Prof. Dr. Norbert Auner, Glashutten Germania
-   Technical Advisor, Vanderbilt University Department of Chemistry, Prof. Dr. Charles M. Lukehart, Nashville USA
Cosa penseranno o come reagiranno forse lo sapremo solo nei prossimi giorni o forse mai visto che sono circa 6 anni che lavorano in gran segreto rilasciando informazioni solo a seguito di Agreement blindati (le informazioni sopra e sotto riportare sono confidenziali, ma io non ho firmato nessun Agreement ;-) ed esiste poco o nulla in rete.
Il sistema messo a punto dalla PowerAvenue è identico al sistema della Genepax, ma il programma di applicazione risulta essere più fitto e ben organizzato, anche il materiale di consumo sembra essere più economico, anziché utilizzare degli elettrodi metallici che si consumano, utilizzano sabbia SiO2 o biossido di silicio.
Per un MW di energia sono necessari 220 kg di sabbia con grande gioia dei petrolieri arabi che di sabbia……
Una delle possibili reazioni per la produzione di idrogeno dalla sabbia e acqua è la seguente:
3 FeSi6 + 40 H2O >>> Fe3O4 + 18 SiO2 + 40 H2
Che dire, il 2008 si sta rivelando essere un anno di sorprese per la free energy, è iniziata la corsa ai sistemi più efficienti, chissà chi la spunterà, i sistemi ad acqua, acqua e sabbia, le celle di Mayer, i motori a magneti permanenti, l’energia dai cristalli, i motori a vortice, i motori organici o chissà cos’altro, staremo a vedere, ma soprattutto cercheremo di dare come sempre il nostro contributo, per non farci dissanguare nel frattempo dal caro petrolio!!!
Un’ultima segnalazione http://www.milnermotors.com/ divertente no?
Nel forum in seguito verranno inserite molte schede, power point e business plan, a voi i commenti.


Armando de Para


Links utili
http://www.genepax.co.jp/
http://www.genepax.co.jp/news/20080625/html
http://www.rai.tv/mpplaymedia/0,,News-Tg1%5E17%5E95359,00.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Genepax
http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia e Business/2008/05/nucleare-fusione-fredda.shtml?uuid=d215abee-2803-11dd-9bec-00000e25108c&type=Libero

Snowpocalypse o snowmageddon in USA‏

Sui tg e sulle agenzie stampa sta passando la notizia che la costa Est degli Usa è interessata dalla bufera "perfetta", una tempesta di neve che forse sarà la peggiore degli ultimi 90 anni, una "super bufera insomma.
Se però pensate che la cosa non ci riguardi, allora vi devo far cambiare idea.
Da una morsa di gelo dovuto al vortice artico è infatti interessato tutta la parte nord dell'emisfero in cui viviamo e se succede qualcosa nella parte atlantica di fronte all'Europa, state certi che arriverà anche in Italia una super ondata di freddo: le varie aree ora interessate sono collegate tra loro come un gigantesco puzzle, vale a dire che è come un effetto domino.
Scusate tanto, ma non vi avevamo anticipato a settembre che questo inverno "sarà un inverno eccezionale"?

 

Sarà un inverno eccezionale??? « Curiositybox

10 set 2009 ... Ve lo avevamo detto: Sarà un inverno eccezionale. « Curiositybox detto. 13 gennaio 2010 a 21:44. [...] e nell'articolo del 10 Settembre 2009 ...
curiositybox.wordpress.com/.../sara-un-inverno-eccezionale/

Ads by Smowtion Media