lunedì 21 febbraio 2011

Chi pratica sport perde peso più facilmente rispetto ai sedentari!

Dimagrire è importante certamente per motivi estetici, ma soprattutto per risolvere o addirittura evitare di incorrere in una serie di problematiche maggiori che il soprappeso determina.
Infatti il grasso in eccesso favorisce l'instaurarsi dell'arteriosclerosi, disturbi cardiaci, circolatori ed epatici.
Esistono due diverse tipologie della distribuzione del grasso: a mela, cioè localizzato specialmente sull'addome, risultato molto più pericoloso di quello a pera, cioè distribuito sui fianchi e sulle cosce.
Ma, per fortuna, l'adipe dell'addome viene eliminato facilmente con l'attività sportiva.

Si ottiene il dimagrimento quando diminuisce il contenuto di grasso negli adipociti, le cellule di deposito.
L'eliminazione dei grassi avviene attraverso il processo della lipolisi, che viene stimolato all'interno degli adipociti durante l'attività fisica.
Lo sport che per eccellenza è deputato a tale compito è la corsa.
La quota di sedentari, cioè di coloro che non svolgono né uno sport né un'attività fisica è risultata pari al 45%, per un totale di oltre 23 milioni di italiani.
La diminuzione dell'attività fisica, ha un suo ruolo preciso nella comparsa o peggioramento di alcuni stati patologici.
Gli studi e l'evidenza sperimentale dimostrano che almeno in sei situazioni ben precise (malattie cardio-vascolari, ipertensione, obesità, osteoporosi, diabete, depressione), il movimento e una buona forma fisica riducono la possibilità che queste manifestazioni si verifichino.

Malattie cardio vascolari:
E' dimostrato che praticare con costanza un'attività sportiva, migliori la funzione cardiovascolare e riduca il fattore di rischio per la cardiopatia.

Ipertensione:
E' provato che le persone sedentarie hanno un rischio aumentato del 35-52 % di sviluppare una forma di ipertensione rispetto a coloro che svolgono costantemente attività fisica.

Obesità:
Le persone che dedicano poco tempo allo sport hanno un rischio maggiore di incorrere in un aumento di peso. L'attività motoria costante consente non solo di mantenere in un intervallo salutare il proprio peso ma anche aumenta la possibilità di successo nei tentativi iniziali o a lungo termine di perdita di peso.

L'osteoporosi.
L'attività fisica può ritardare la perdita di massa ossea nelle donne in menopausa. E nei soggetti più attivi e più in forma è stato riscontrata una massa ossea più consistente.

Il diabete.
I dati segnalano una proporzionalità inversa tra i livelli di attività fisica e il rischio di sviluppare diabete mellito non-insulino indipendente. In particolare negli uomini sovrappeso e nei soggetti maggiormente a rischio.

Contro la depressione.
Certa anche la correlazione tra attività fisica e umore. Adottare uno stile di vita che contempli movimento e attività fisica sembra avere un riscontro positivo contro la depressione e l'ansia, anche a scopo preventivo.
E... gli effetti di una costante attività fisica sono molteplici, tanto fisici quanto psichici.
Bruciare calorie, non significa solo "bruciare energia fisica", ma anche far circolare "energia mentale" per affrontare meglio il lavoro e la vita quotidiana.

La salute mentale:
per esempio, si dorme meglio e di più e la sensazione di benessere e di relax aiuta a curare alcune forme lievi di depressione e a canalizzare l'aggressività, favorendo l'autocontrollo e il riconoscimento dei propri limiti.

Si liberiano endorfine:
ormoni che ci aiutano a controllate lo stress e l'ansia, migliorando la sensazione generale di benessere.

Nel sociale:
praticare uno sport di gruppo o con amici crea un vincolo affettivo e predispone al lavoro in team in azienda o a scuola.

Conoscere se stessi:
il miglioramento della propria forma fisica ci procura maggiore autostima e una visione migliore di noi stessi e del mondo.

E... l'alimentazione?
Quando si pratica un attività sportiva è di fondamentale importanza adottare una corretta alimentazione.
L'alimentazione è alla base del successo nel caso in cui l'obiettivo sia rappresentato dal dimagrimento o dalla costruzione di massa muscolare.
Ma ciò che più di ogni altra finalità dovrebbe cogliere la giusta attenzione da parte degli "addetti ai lavori", è che l'alimentazione rappresenta la colonna portante su cui si basa la salute, la longevità e la qualità della vita.
La scelta del giusto combustibile, che funge allo stesso tempo da motore energetico, ma anche da riparatore di tessuti, è il risultato della distribuzione equilibrata e mirata di grassi, zuccheri e proteine.
In effetti la scelta del combustibile (o con terminologia biologica, del substrato) è effettuata autonomamente dalle cellule muscolari in base al tipo di attività sportiva e alla disponibilità del substrato stesso (grassi, zuccheri e proteine).
Per concludere, una dieta ottimale deve poter fornire tutti i componenti necessari a coprire il fabbisogno energetico.
In tutto ciò è logico che se oltre al valore morale, desideriamo ottimizzare le componenti funzionali ed estetiche che lo sport ci dona, dobbiamo essere consapevoli che prima di intraprendere un' attività sportiva bisogna rivolgersi a persone competenti e qualificate che possano aiutarci ad individuare il regime alimentare ideale e che soprattutto non metta a repentaglio la nostra salute fisica e mentale.

Alcune semplici mosse per essere di nuovo in forma

 

Ovunque volgiamo lo sguardo risaltano nuovi messaggi pubblicitari, aggeggi e diavolerie mirate a facilitare la riduzione del grasso corporeo.
I grassi costituiscono la principale e più cospicua riserva energetica ( 9 Kcal. per grammo) del nostro corpo. Per meglio intenderci, basti pensare, che in un atleta di 70 Kg è presente mediamente il 10% di grasso, quindi 7 Kg che corrispondono a 63.000 Kcalorie di scorta.
Appare più che opportuno riportare alcuni concetti per combattere quegli accumuli di grasso indesiderato e puntare a raggiungere un sano peso forma.

Pasti a basso indice glicemico.
Hanno un minimo impatto sui livelli di zucchero nel sangue. E' consigliabile sempre fare dei pasti misti che contengano proteine di alta qualità, carboidrati complessi e grassi essenziali; infatti essi rappresentano la chiave per stabilizzare i livelli di insulina, con il minor rischio di depositare i carboidrati in eccesso sotto forma di grasso. Secondo questo concetto i carboidrati sono suddivisi in base alla capacità che hanno di stimolare la secrezione di insulina dopo la loro digestione. In generale, comunque, teniamo presente che qualunque sia la loro natura chimica, i carboidrati in eccesso, quindi non utilizzati immediatamente, vengono trasformati come riserva sotto forma di grassi di deposito. (per approfondimenti leggi nella sezione articoli: L'estate è alle porte, con i cibi a basso carico glicemico perdi due taglie)

Non mangiare troppi carboidrati la sera.
Assumere molti carboidrati la sera può interferire con i livelli dell'ormone della crescita (GH) durante il sonno è ciò non è auspicabile per la perdita di grasso, poiché la sera il metabolismo è più lento e la digestione dei carboidrati lo mette a dura prova e poi l'organismo richiede poche energie. Per i pasti serali preferiamo proteine e fibre con le immancabili verdure. Scegliamo a piacere tra carne (meglio bianca, il pollo senza la pelle), pesce, uova (anche 2), salumi (consigliati magri e sgrassati).

Fare 6 pasti piccoli nel corso del giorno.
Diversi studi hanno mostrato che aumentare la frequenza dei pasti aiuta a stabilizzare la secrezione di insulina. I ricercatori di questo studio hanno così concluso: aumentare il numero dei pasti aumenta la termogenesi (un particolare processo metabolico che consiste nella produzione di calore da parte dell'organismo, soprattutto nel tessuto adiposo e muscolare) e l'utilizzo dei grassi. E' infatti da evitare il rischio di andare in ipoglicemia perché trascorso troppo tempo fra un pasto e l'altro. In questo caso la tensione ci porterebbe ad alimentarci in modo nervoso e famelico con l'introduzione di cibo molto più alto di quello effettivamente necessario favorendo la trasformazione delle calorie in eccesso in grasso di deposito.

Idratarsi e restare idratati.
Cerchiamo di bere fino a 3 litri al giorno. Non è necessario farlo fin da subito se normalmente non si è abituati a bere molta acqua. Però iniziamo raddoppiando la quantità di acqua che beviamo normalmente e poi incrementiamo pian piano. La ricerca ha mostrato che la disidratazione può causare una riduzione significativa del ritmo metabolico a riposo e rallentare il metabolismo a riposo. E rallentare il metabolismo non fa bene al consumo del grasso. Si pensi che durante l'estate, nelle giornate più afose, con la sudorazione e l'attività fisica, si può arrivare a perdere il 2,6% di peso corporeo sottoforma di acqua.
(Per approfondimenti leggi nella sezione articoli: l'acqua rimedio preventivo ed efficace).

Mangiare molte proteine e fibre.
Questi nutrienti aumentano l'effetto termico del cibo, incrementando così il ritmo metabolico. L'effetto termico del cibo è il costo di metabolizzazione di tipi diversi di alimenti. La ricerca indica che un pasto ricco di proteine e povero di grassi aumenta la termogenesi del 100% rispetto a un pasto ricco di carboidrati e povero di grassi. Ecco perché le diete ricche di proteine sono popolari per il dimagrimento.

Fare l'attività aerobica come prima cosa al mattino a stomaco vuoto.
La ricerca mostra chiaramente che l'utilizzo del grasso è molto ridotto quando sono assunti carboidrati nelle sei ore precedenti l'attività fisica. Altre ricerche indicano che il lavoro cardiovascolare a stomaco vuoto può aiutare a bruciare grasso fino a tre volte di più. A digiuno i livelli di insulina sono bassi. Quando invece l'insulina è alta può inibire il processo di riduzione del grasso. Perciò, eseguendo l'attività aerobica a stomaco vuoto il corpo è nella situazione migliore per bruciare il grasso. Accertiamoci di bere molta acqua prima durante e dopo l'attività aerobica.
E non dimentichiamoci mai: più muscoli vuol dire meno grasso corporeo! Infatti, più sarà alta la percentuale di massa magra rispetto alla massa grassa, più alto risulterà il metabolismo.
(Per approfondimenti leggi nella sezione articoli: i benefici dello sport )

Caffeina, Tè, Calcio.
- Utilizzare caffeina, in molti studi, ha mostrato di favorire l'ossidazione del grasso e la riduzione del peso nei soggetti che svolgono attività fisica. La caffeina funziona attraverso molti meccanismi d'azione compreso promuovere il rilascio di grasso depositato da usare come energia salvaguardando il glicogeno (riserve energetiche di carboidrati nelle cellule muscolari e nel fegato) grazie all'accelerazione dell'ossidazione dei grassi. E questo potrebbe spiegare perché la caffeina prolunga il tempo necessario per arrivare all'esaurimento durante l'attività aerobica).
Può essere utile assumere 200mg prima dell'attività fisica (specialmente attività aerobica)
- Assumere estratto di tè verde ha mostrato un aumento del dispendio energetico e dell'ossidazione dei grassi per 24 ore. Inoltre rinforza il sistema immunitario. Può essere utile assumerne
200-300mg al giorno.
- Le diete ricche di calcio possono aumentare la lipolisi (utilizzo del grasso) e conservare la termogenesi durante la restrizione calorica , causando così la riduzione del peso. Si dice anche che le diete povere di calcio possono far aumentare il grasso corporeo. Accertiamoci di assumere almeno 1.200 mg di calcio al giorno.
(per approfondimenti leggi nella sezione articoli: diamo un calcio all'alimentazione)

Abbassare i livelli di Cortisolo.
Un fattore di rischio da non sottovalutare per l'aumento del peso e soprattutto del grasso addominale è l'ormone del cortisolo (ribattezzato come l'ormone dello stress). Ridurre lo stress e dormire abbastanza ogni notte può sicuramente aiutare a gestire i livelli di cortisolo per ridurre il deposito di grasso nell'area addominale.

Dormire molto.
Cercate di fare 8-9 ore di sonno per notte. E' dimostrato che soggetti che dormivano 7 ore o meno per notte avevano livelli di cortisolo più alti nel pomeriggio rispetto a quando dormivano 9 ore per notte. Il sonno è anche fondamentale per il processo di recupero delle energie, determinanti per affrontare con più forza di volontà le tentazioni alimentari giornaliere.
È non dimentichiamo il riposino del pomeriggio, una pausa di cui il nostro organismo ha bisogno. Infatti tra le 14 e le 16 la soglia dell'attenzione tende a scemare e tutte le funzioni rallentano. Bastano venti o trenta minuti di pausa, otto ore dopo essersi svegliati dal sonno notturno, per ricaricarsi. Una vera cura di bellezza e di benessere naturale a costo zero. Molto meglio che dormire mezz'ora in più al mattino, perché con il pisolino la concentrazione aumenta, l'irritabilità diminuisce e l'umore migliora.

Eliminare l'Alcol.
I lipidi si accumulano soprattutto nei tessuti in cui è metabolizzato l'alcol (l'etanolo).
L'alcol (Etanolo) è un componente che genera energia: 7 Kcal per grammo, una quantità molto maggiore di quella dei carboidrati e delle proteine ( 4 Kcal per grammo). Però l'alcol non è un nutriente essenziale e le calorie che apporta sono delle calorie "vuote", cioè non apportano sostanze nutritive. L'alcool sembra causare maggiore deposito di grasso e rallentare anche il metabolismo. Diverse ricerche hanno evidenziato che nel confronto fra astemi e consumatori d'alcool, in questi ultimi si evidenziavano depositi di grasso addominale 2-3 volte più elevati.

Tenere sotto controllo i livelli di estrogeni.
Soprattutto negli uomini tenere sotto controllo i livelli di estrogeno può aiutare a limitare il deposito di grasso addominale, gonfiore, ginecomastia (crescita del seno negli uomini) e stanchezza. Gli esperti considerano gli estrogeni fra gli ormoni di deposito del grasso più potenti del corpo. Accertatevi di non avere deficienze di minerali come calcio o zinco, perchè possono essere legate agli estrogeni. Può aiutare anche bere tè verde e mangiare semi di lino.
Infine per completare il tutto affidiamoci ad un eccellente complemento alimentare.

 

fonte: http://www.perdipesosystem.it/pagina.asp?id=62

mercoledì 9 febbraio 2011

MA QUALE CO2 …… IL VERO (e più importante) GAS SERRA E’ IL VAPORE ACQUEO

I VERI DATI SUL BIOSSIDO DI CARBONIO

23 febbraio 2007 – La serie storica delle concentrazioni di biossido di carbonio (CO2) ostentata dal Comitato Intergovernativo sul Cambiamento Climatico come giustificazione per la riduzione dei cosiddetti “gas serra”, è una frode. Una ricerca da parte del professor Ernst-Georg Beck,[1] tedesco di Friburgo, mostra che il comitato ha raccolto selettivamente i dati sul CO2 prima del 1957, attraverso misurazioni effettuate su carote di ghiaccio prelevate di recente, ignorando le oltre 90.000 misurazioni dirette e accurate effettuate con metodi chimici dal 1857 al 1957.
In una precisa rassegna di 175 articoli scientifici, Beck ha scoperto che i fondatori della moderna teoria dell'effetto serra, Guy Stewart Callendar e Charles David Feeling (questo in particolar modo un idolo per Al Gore) avevano completamente ignorato misurazioni attente e sistematiche effettuate da alcuni dei più famosi nomi della chimica fisica, tra cui diversi premi Nobel.
Le misurazioni di questi chimici mostravano che l'odierna concentrazione atmosferica di CO2 di circa 375 parti per milione (ppm) è stata superata nel passato, compreso un periodo tra il 1936 e il 1944, quando i livelli di CO2 variarono da 393 a 454,7 ppm. Ci furono anche misurazioni, con margine di errore del 3%, di 375 ppm nel 1885 (Hempel a Dresda), 390 nel 1866 (Gorup a Erlangen) e 416 nel 1857 e 1858 (Von Gilm a Innsbruck). Ironicamente, mentre l'aumento degli anni '40 si correlava con un periodo di medio riscaldamento atmosferico, Beck e altri hanno mostrato che il riscaldamento precedette l'aumento nelle concentrazioni di CO2.
I dati trovati da Beck provenivano principalmente dall'emisfero settentrionale, geograficamente distribuiti dall'Alaska su tutta l'Europa fino a Poona, in India, quasi tutti presi in zone rurali o nella periferia di città senza contaminazione da industria, ad un'altezza da terra di circa due metri. La valutazione dei metodi chimici seguiti rivela un errore massimo del 3%, fino ad un 1% nei casi migliori.
Per contrasto, le misurazioni ricavate dalle carote di ghiaccio mostrano un aumento piuttosto costante dei livelli di CO2, convenientemente concordante all'idea preconcetta che l'aumento dell'attività industriale abbia prodotto un netto aumento di CO2. Così come ha mostrato un collaboratore di Beck, il dottor Zbigniew Javorowsky, ex direttore del servizio di monitoraggio delle radiazioni polacco, il gas intrappolato nelle carote di ghiaccio non ha validità come valore approssimato della concentrazione atmosferica. Il continuo processo di congelamento, scongelamento e pressurizzazione della colonna di ghiaccio altera drasticamente le concentrazioni atmosferiche originali delle bolle di gas.
Secondo la teoria dell'effetto serra, l'aumento del CO2 nell'atmosfera causato dall'attività umana, come la combustione di carburanti fossili, agisce come il vetro di una serra che impedisce la restituzione dei raggi solari ricevuti dalla superficie terrestre. Mentre da una parte tale effetto esiste, il biossido di carbonio si trova in basso nella lista dei “gas serra”, pesando nella misura del 2-3% sull'effetto serra. Il gas serra di gran lunga più importante è il vapore acqueo. Tuttavia, l'acqua in forma di nuvole può riflettere i raggi solari causando riduzione di temperatura. Ci sono talmente tanti effetti interrelati, dalle macchie solari ai cicli delle orbite terrestri, che collegare la temperatura globale alla concentrazione di CO2 è come cercare di predire il valore di un hedge fund dalle fasi lunari.
Per rendere credibile tale correlazione occorre una capacità ampia e sofisticata di mentire e i teorizzatori dell'effetto serra ne sono dotati, ma sfortunatamente per loro gli scienziati hanno cominciato a raccogliere i dati sulla concentrazione di CO2 già dagli inizi del '700, in concomitanza con i primi studi sul processo di fotosintesi, e oggi siamo in possesso di più di 90.000 accurate misurazioni e solo gli sciocchi possono dar credito alle “emissioni di gas” di Al Gore.

[1] http://www.warwickhughes.com/agri/BeckCO2short.pdf
(vedi anche "Ice Core Data Show No Carbon Dioxide Increase"
www.21stcenturysciencetech.com).

giovedì 3 febbraio 2011

Ma l'avete visto cosa succede nel mondo?

Questi sono i segnali di un cambiamento climatico che sta iniziando su vasta scala: la cosa che non capisco però é l'ostinazione di qualuno a continuare a far credere alla bufala del global warming.

 

Alluvioni in Algeria

Maltempo: Algeria, 9 morti

Cinque feriti in crollo abitazioni a Lakdaria e Bouira

03 febbraio, 15:16

(ANSA) - ALGERI, 3 FEB - L'ondata di maltempo che nell'ultima settimana si e' abbattuta sull'Algeria ha provocato almeno 9 morti e centinaia di sfollati. Secondo un bilancio ufficiale, una donna e i suoi due bambini di 2 e 8 anni sono stati travolti dalle acque di un torrente nella zona di Guelma (est), mentre altre sei persone sono morte in seguito ad incidenti stradali causati dal maltempo in diverse regioni centrali. Almeno 5 persone sono rimaste ferite nel crollo della loro abitazione a Lakhdaria e Bouira (est). (Ansa/Agi)

Ciclone Yasi

l ciclone Yasi sull'Australia

Enormi danni ma nessun morto o ferito grave

03 febbraio, 16:30

Le devastazioni del ciclone Yasi

SYDNEY - E' finita la grande paura per un quarto di milione di australiani residenti lungo i 700 km di costa nordorientale, dopo il passaggio del ciclone Yasi, uno dei piu' violenti nella storia di Australia. Il ciclone che si e' abbattuto sul Queensland, di categoria 5, la piu' alta, ha causato danni meno gravi del previsto e per il momento non si ha notizia di morti o feriti gravi.

La premier del Queensland Anna Bligh ha tuttavia avvertito della possibilita' di ''cattive notizie'' man mano che le squadre di soccorso si aprono la strada verso i centri piu' colpiti. Se sara' confermato che non vi sono vittime, il risultato sara' un guadagno netto per la popolazione visto che durante la notte sono nati tre bambini, nessuno dei quali sara' chiamato Yasi.

Infatti mentre il ciclone infieriva con venti di 290 km l'ora, e la popolazione era asserragliata nei centri di accoglienza o nelle case, due bebe' sono nati nell'ospedale di Innisfail. Una bambina invece ha scelto di venire alla luce proprio in uno dei centri di evacuazione a Cairns e ad aiutare la mamma e' stata una coppia di turisti inglesi, di professione ostetrica e medico.

Il ciclone avanza ora verso ovest alla velocita' di 40 km l'ora, con intensita' ridotta a categoria uno, minacciando cittadine dell'interno come Mount Isa e Alice Springs con venti di oltre 90 km l'ora e forti piogge. Gravissimi i danni alle coltivazioni di canna da zucchero e di banane, di cui il nord Queensland fornisce rispettivamente il 15 e il 90% della produzione nazionale, con perdite di molte centinaia di milioni di dollari.

NASA,TEMPESTA SI ESAURIRA' IN 24 ORE - Il ciclone Yasi dovrebbe dissiparsi entro 24 ore, secondo gli esperti della Nasa che con i loro satelliti stanno seguendo l'evento ora per ora. La potente tempesta, afferma un comunicato, si e' abbattuta sul Queensland con un po' meno forza del previsto, anche se e' rimasta comunque devastante. Secondo i dati del satellite Aqua il ciclone ha toccato terra con una potenza pari a una categoria 4, e non 5 come si temeva.

La forza e' stata comunque sufficiente a generare venti fino a 250 chilometri orari e onde alte fino a 13 metri nel mar dei Coralli. Man mano che si addentra nell'entroterra, muovendosi a circa 33 chilometri orari,

Yasi perde forza, non avendo piu' il serbatoio di energia dato dalle acque calde oceaniche. In queste ore (in Australia e' gia' tardo pomeriggio) e' gia' sceso a categoria 1, con venti di 65 chilometri orari, ed e' sopra la citta' di Cloncurry. Secondo le previsioni della Nasa, confermate dal Bureau of meteorology australiano dovrebbe dissiparsi definitivamente al massimo entro un paio di giorni. (Ansa/Agi)

 

 

Violenta tempesta di neve in USA

Mercoledì 2 Febbraio 2011

Violenta tempesta di neve sugli USA, paralisi nel Midwest

Due terzi degli Stati Uniti sono nella morsa di una tempesta invernale di portata storica, sepolti da cumuli di neve e nevischio. La tempesta, una delle più violente dal 1950 secondo la Nasa, ha colpito un’area vasta più di 3.000 chilometri e un terzo della popolazione in una trentina di Stati, soprattutto nel Midwest.

Per le particolari combinazioni delle correnti di aria calda provenienti dal Golfo del Messico e quelle di aria fredda provenienti dal Mare Artico, un vento tagliente, con raffiche fino a 80 chilometri orari, si sta abbattendo sul Paese insieme a neve e pioggia gelida, facendo scendere la temperatura a livelli polari, trasformando le strade in piste di ghiaccio e bloccando i trasporti. Migliaia le macchine finite fuori strada e altrettante quelle rimaste bloccate dalla neve. Tantissimi gli automobilisti soccorsi dalla Polizia Stradale e dai Vigili del Fuoco lungo le maggiori autostrade della zona. In grosso affanno il traffico aereo: oltre 10 mila i voli cancellati su tutti i maggiori scali del Nordest.

A Chicago - considerata l’epicentro di questa ondata di maltempo - sono scesi oltre 45 cm di neve: la più grande nevicata in più di 40 anni; per la prima volta nella storia l’Interstate 70, in Missouri, tra St.Louis e Kansas City, è stata interrotta; un giornale a Tulsa, in Ohio, ha annullato la sua edizione in carta stampa per la prima volta in più di un secolo. E la neve continua a cadere. I metereologi avvertono che mettersi in viaggio potrebbe essere fatale. Gli uomini della Federal Emergency Management Agency (Fema), l’agenzia della Protezione Civile, hanno riferito di essere intervenuti in una vastissima area del Paese, dall’Arkansas al Connecticut, dall’Illinois, all’Indiana, nel Kansas, Missouri, New Jersey, stato di New York, Ohio, Oklahoma, Pennsylvania, Rhode Island e infine Wisconsin

Barack Obama s’è occupato direttamente dell’enorme tempesta di neve: ha avuto una lunga riunione alla Casa Bianca per mettere a punto il coordinamento degli interventi di soccorso e limitare i danni di questa enorme perturbazione, assieme al ministro della Sicurezza interna Janet Napolitano e ai vertici della Fema. (Ansa/Agi)

Ads by Smowtion Media