martedì 24 febbraio 2009

L'Italia ha ben altre necessità... essenziali!

23 Febbraio 2009 ore 13,00 Circa

Nel telegiornale Rai (TG1), il direttore Gianni Riotta intervista il giornalista Giuseppe Cruciani circa il Ponte sullo stretto di Messina e pone al fine 3 delle maggiori critiche che sonno mosse da chi è contrario alla realizzazione. Scusatemi se tralascio le risposte ridicole date a quelle circa la facilitazione/favoreggiamento di collegamenti che si instaurerebbe tra Cosa Nostra e la 'Ndrangheta calabrese (ed al fatto che la Mafia siciliana sicuramente trarrebbe profitto dalla costruzione dell'opera, oltre a partecipare nel gestirne i pedaggi).Tralascio anche l'importante tema sull'impatto ambientale...e la risposta del suddetto soggetto. Non posso e non voglio esimermi dalla critica di base, che in questo caso ha a che fare molto con le fondamenta dell'opera...Si tratta di zona storicamente molto sismica (vedi magnitudine del terremoto di Messina del 1908) http://it.wikipedia.org/wiki/Terremoto_del_1908 Giuseppe Cruciani ha risposto così circa questa obbiezione:

-Il ponte è stato progettato nella galleria del vento.

L'aerodinamica non è attinente con la sismicità! Ke CAXXO c'entra la resistenza del ponte a tempeste ed addirittura ad eventuali uragani? Forse si riferiva alla parte estetica dell'aerodinamicità? Certo...sarà più bello osservarne il crollo dovuto ad un movimento tellurico se il ponte ha una bella linea aerodinamica elegante. Lascio alla relativa intelligenza e coscienza del singolo lettore (perchè individuale, senza offesa) il valutare se Giuseppe Cruciani sia un uomo libero dunque anche giornalista e non un pennivendolo asservito ad interessi di lobbies che si prostituisce prestandosi come cassa di risonanza per fare propaganda e disinformazione favoreggiando chi vuole costruire sulla sabbia e non sulla roccia, oppure se si tratti di uno dei tantissimi opinionisti tuttologi e non qualificati che sproloquiano a vanvera. L'Italia ha ben altre necessità... essenziali!

Autore: Luigi Bacchetti copyright 2009 [CC]

Nessun commento:

Ads by Smowtion Media